Ogni anno il momento in cui ci ritroviamo circondati da panettoni, addobbi, alberi di Natale e luci colorate si anticipa sempre più. Sarà il desiderio della calda atmosfera natalizia o una pura strategia commerciale, resta il fatto che il Natale è una delle feste più amate e che accomuna tutto il mondo, cristiani e non, come ricorrenza legata alla famiglia, alla solidarietà e allo scambio di doni.

Ogni paese però ha le proprie tradizioni e usanze, e alcune sono molto particolari.

GRAN BRETAGNA – La sera della vigilia, i bambini usano lasciare a “Father Christmas” delle calzine da riempire con cioccolatini e caramelle, insieme a un dolce e un bicchiere di latte. Dopo aver scritto la letterina la buttano nel fuoco cosicché i loro desideri possano risalire nel camino ed essere letti da Babbo Natale durante la sua visita.
Il giorno di Natale insieme ai parenti si mangia il tacchino ripieno e il Christmas Pudding, il loro dolce tipico natalizio a base di uova, mandorle, frutta candita, rum e spezie, al quale si legano alcune superstizioni, come ad esempio quelle secondo cui dovrebbe contenere 13 ingredienti  ed essere mescolato in senso orario da ogni membro della famiglia.

AUSTRIA – In Austria è molto sentita la festa di San Nicola (6 dicembre), che premia i bambini più bravi ma che ha anche un “nemico”, il Krampus, un mostro spaventoso che invece punisce chi non si è comportato bene. Il giorno di Natale di solito si mangia salsiccia e crauti, insieme a vari dolci biscottini della tradizione, come i “Kipferl”, ovvero cornetti alla vaniglia.

GRECIA – Anche in Grecia, secondo alcune leggende, nei 12 giorni che seguono il Natale i Kallikantzaroi, dei mostri cattivi, fanno visita nelle città per seminare il caos. Per tenerli lontano, nel passato era solito esporre fuori dalle case delle croci avvolte nel basilico.

OLANDA – Anche in Olanda sono molto legati a San Nicola e in questo giorno aspettano il Sinterklaas, un vescovo che su un cavallo bianco porta doni per tutti. La vigilia di San Nicola si festeggia in famiglia con cioccolata calda e “letterbanket”, una torta a forma della prima lettera del cognome di famiglia.

DANIMARCA – In Danimarca si cena con oca o maiale arrosto e un contorno di cavoli e patate caramellate. Il dolce tipico è il ris à l’amande” , a base di riso con panna montata, vaniglia e mandorle tritate, servito con salsa di amarene. Nel riso viene nascosta una mandorla intera e chi la trova vince un piccolo regalo. I bambini vengono vestiti da folletti, di rosso e con un cappello a punta.

SVEZIA – Oltre al Natale, in Svezia è molto sentita la festa di Santa Lucia (13 dicembre), dove di solito è la figlia maggiore della famiglia a vestirsi come Santa Lucia, indossando una tunica bianca, una cintura rossa e in testa una coroncina di candele accese, e porta a tutta la famiglia un vassoio con dei dolci.

MESSICO – Anche in Messico il clima è mite nel periodo natalizio. Le case sono decorate con gigli sempreverdi e le famiglie realizzano dei disegni su sacchetti di carta marrone per farne delle lanterne dette “farolitos”, che vengono poste lungo i marciapiedi, sui davanzali o sui tetti. Il 23 dicembre a Oaxaca è la Notte dei Ravanelli e si creano delle statuette natalizie di rape e ravanelli per esporle in giro per la città.

COLOMBIA – In Colombia tra il 7 e 8 dicembre è la Giornata delle candeline, che gli abitanti festeggiano illuminando le loro porte, finestre, balconi e giardini con candele e lanterne, ma anche organizzando nelle piazze delle città delle vere e proprie coreografie con le candele.

CANADA – In Canada il giorno di Natale i bambini usano andare di casa in casa cantando canzoni natalizie e ricevendo in cambio soldini, dolci o bevande calde. Il pranzo natalizio tradizionale prevede tacchino ripieno con contorno di patate e salsa di mirtilli oppure anatra arrosto. A Toronto la Cavalcata annuale delle Luci è l’evento che segna l’inizio della stagione natalizia e che prevede l’accensione del grande albero di Natale ufficiale, un concerto, pattinaggio su ghiaccio e un meraviglioso spettacolo di luci.

FILIPPINE – Nelle Filippine è famoso il Festival delle Lanterne Giganti , che si tiene il sabato prima della vigilia di Natale nella città di San Fernando e che vede diversi villaggi sfidarsi per chi realizza la lanterna più elaborata e vistosa.

AUSTRALIA – In Australia il 25 dicembre fa caldo perciò le feste si svolgono principalmente all’aperto, anche in spiaggia. L’evento più famoso è il Carols by Candlelight, in cui le persone si riuniscono di notte per accendere candele e cantare canti natalizi.

Appassionato di cucina? Scopri i nostri corsi e segui la pagina Facebook e Instagram di Rovedalab, per restare sempre aggiornato su tutti gli eventi in programma!

SCOPRI I NOSTRI CORSI